Da Paolo Pomodoro riceviamo G. Simenon, L’affare Picpus, Ed. L’Unità

“Cosa curiosa, fissando macchinalmente una mano, una mano dell’uomo posata sul ginocchio coperto di stoffa lisa, Maigret si sentì in qualche modo pervaso dal dramma e smise di considerare il suo compagno un personaggio qualunque, più o meno pittoresco”.

 

Il commento di Paolo: UN GENIO!!

Dalla presentazione dell’editore:

“Domani, alle cinque del pomeriggio, ucciderò l’indovina. Firmato Picpus”. Questa volta rischia grosso il commissario Maigret! Quasi quasi si augura che venga commesso un delitto: altrimenti per mesi gli toccherà subire i sarcasmi dei colleghi del Quai des Orfèvres. Ma perché il commissario ha creduto all’inverosimile storia che gli è venuto a raccontare quell’ometto di mezza età, scialbo, con un odore indefinibile di mediocrità e solitudine? Eppure Maigret non ha avuto dubbi, e ha fatto mettere sotto sorveglianza tutte le indovine e le cartomanti di Parigi. Cioè, non proprio tutte: perché quel giorno, alle cinque del pomeriggio, la signorina Jeanne, di professione indovina, viene trovata uccisa con due coltellate nella schiena…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci