Da Rossella Schianchi riceviamo Ramses, La Passione di Fatima, Astro Edizioni.

Rossella ci dice: “Ecco un capitolo onirico, significativo della sensibilità della protagonista. Il romanzo si estende a tutta la famiglia della bambina, ai desideri, le angosce, i tentativi di fare del bene di ogni suo componente, che spesso si perde nelle convinzioni e dimentica di ascoltare la propria intuizione profonda. Ecco che Fatima insegna. Buona lettura!”


“AL-HADI
COLUI CHE GUIDA
Fatima aveva ascoltato con enorme curiosità le parole di sua nonna sulle origini di Maometto,
ma il sonno, il caldo e la tensione che aveva respirato a cena l’avevano provata e così era caduta nel
sonno in pochi minuti. Sua nonna era uscita dalla stanza in punta di piedi dopo averle asciugato la
fronte brillante di sudore e averla baciata sulla guancia. Ai fratelli che arrivavano per andare a
dormire aveva detto di fare piano, che il loro angelo era stato preso dalle possenti ali dell’arcangelo
e portato in cielo a visitare i mondi della fantasia.”

Dalla presentazione dell’editore:

La passione di Fatima è una parabola di gioie e dolori, dove la sofferenza oltrepassa i confini della fede, arrivando ai cuori di chi crede senza bisogno di segni distintivi di una religione o di un’altra. È una fiaba moderna molto radicata nella realtà.
Nell’arco di nove mesi, la piccola Fatima, una ragazzina di 8 anni figlia di Ahmed, islamico convinto, conosce il dolore e la sofferenza attraverso le vicissitudini infelici di suo fratello e di sua sorella. Si scontra con abitudini “sanguinarie” della sua cultura, fra tutti il sacrificio del capretto per il Ramadan, quindi con la storia tragica e omicida di Gesù, in paragone con quella di Maometto raccontata dalla nonna, l’unica attenta ai sentimenti della piccola. Fatima si trova stretta in un abbraccio di sentimenti discordanti fino a sfogare tutto il suo malessere in delle presunte stigmate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci