Da Lorenza Rappoldi, che continua la sua ricerca sulla creatività femminile, riceviamo un racconto di Zelda Fitzgerald compreso in Lembi di Paradiso di Francis Scott e Zelda Fitzgerald

“La cittadina è sperduta accanto a un fiume ampio, fulvo, turbinoso, che scorre tra alti argini di argilla rossa a ciascun lato. Alberi fitti si chinano sulla schiuma rossiccia lungo le rive, e ombre giacciono lunghe e sonnacchiose sotto i festoni del muschio della Florida, ove sfreccianti insetti dal duro guscio cadono dai rami.”

Lorenza ci manda anche:

Lembi di Paradiso prese l’avvio come due raccolte: un volume di racconti dispersi di F.Scott Fitzgerald e un volume di scritti di Zelda Fitzgerald. Alla decisione di fonderli in un solo libro si giunse in maniera del tutto naturale, dati gli intimi e complessi rapporti esistenti tra la narrativa dei Fitzgerald. Essi infatti attinsero a una comune riserva di materiale; e, anche se di rado collaborarono all’atto della stesura vera e propria, la loro opera rispecchia una collaborazione emotiva. I sentimenti che entravano nella loro narrativa erano i sentimenti generati dalla loro vita insieme.

Questo volume comprende tutti i racconti pubblicati da Zelda Fitzgerald –nessuno dei quali è mai stato raccolto in volume – e un campionario di racconti di F.Scott Fitzgerald apparsi su riviste che meritano un pubblico nuovo.

……

La migliore definizione di quasi tutti i pezzi di Zelda Fitzgerald è quella di bozzetto, perché manca la consueta struttura del racconto. Il suo trattamento dell’intreccio è saggistico e impressionistico…….

Sono pezzi umorali in cui luoghi e atmosfere vengono evocati con un linguaggio sorprendente, a volte addirittura sconcertante. Lo stile è notevole, ma indisciplinato.

 

Dalla presentazione dell’editore:

Un’antologia di racconti della celebre coppia, introdotti da una nota della figlia Scottie che scrive tra l’altro: “Questi racconti hanno una cosa in comune: un senso di stupore e di vivissima attesa, come se perfino i loro autori si sentissero mancare il fiato davanti alle meraviglie intraviste mentre, volando, passavano davanti al Paradiso”.