Cari amici vicini e lontani, la seconda settimana di concorso ci ha portato diverse novità.
Alfonsa Casciaro ci ha segnalato il testo delle lezioni che Amos Oz tenne in Germania un mese dopo, largo circa, dall’attentato delle Torri Gemelle. Il titolo è chiaro: contro il fanatismo. Secondo Oz il fanatismo è una componente da sempre presente nell’animo umano e esserne coscienti e riconoscerlo è il primo passo per sconfiggerlo.
Lorenza Rappoldi ci invita a leggere di Barbara Pym Un sacco di benedizioni, libro divertente e arguto come sempre quelli di Barbara Pym, Qui il nocciolo non sta tanto nella protagonista, una giovane moglie annoiata e un po’ oca, quanto nei personaggi che le girano intorno, in primis, mi dicono, la suocera.
Maurizio Piglia ci ha inviato il primo libro di fantascienza di Prima i Lettori: Fiori per Algernon di Keyes. Keyes è uno di quegli autori poco prolifici e geniali. In questo agile racconto (che tutti dicono essere il suo capolavoro) tratta di un topo intelligentissimo e di un uomo che vorrebbe esserlo e che lo diventa grazie ad un intervento medico. Così Charlie che era e sapeva di essere un mezzo deficiente si trova proiettato nei misteri dell’intelligenza superiore, lui che in fin dei conti voleva solo essere normale.
 
Marco Cortini, invece, ci riporta alla normalità anormale di Napoli, segnalandoci La paranza dei bambini, l’ultimo libro di Saviano, ovvero la formazione sentimentale e umana di un gruppo di ragazzini che si organizzano gruppo di fuoco per dimostrare a se stessi e ai grandi d’essere uomini. La vita non conta, conta esserci e comandare.
Marco Grando, infine, segnalandoci Purgatorio di Martinez, ci invita a tornare a riflettere sulle vicende dell’Argentina dei generali e sul ruolo delle memoria nella nostra vita quotidiana. L’incipit del romanzo è fenomenale nel suo essenziale approccio sudamericano.
Il concorso continua e si amplia.
Da questa settimana raccogliamo fotografie di libri e di lettori. Mandate i vostri scatti alla solita casella email (primailettori@gmail.com) pregandovi di mantenere le dimensioni dei file nella decenza. I soggetti, come detto, devono essere libri e lettori, da soli o in compagnia di oggetti o composizioni che ne rappresentino il carattere. Anche questo sarà un concorso/gioco. Per i migliori venti scatti verrà organizzata una mostra e, inoltre, al vincitore o alla vincitrice verrà assegnato un buono libro analogo a quello in palio col concorso dei libri. Per partecipare al concorso fotografico vengono richiesti 10 euro (ogni messaggio email che può contenere max 3 jpeg) che potrete spedire a paypal.me/primailettori
buona lettura
Annunci